Balli irlandesi o sandArt? La festa è festa!

balliAndante, Mosso, Allegro e Vivace sono i tempi musicali dei quattro concerti all’improvviso di Francis & Antonio, percussionisti etnici e moderni. Qui non ci si limita ad ascoltare e ballare: tutti possono salire sul palco e partecipare con strumenti propri o con quelli forniti dal duo. Succede alla Festa del Camminare 2016, giunta alla terza edizione e quest’anno in programma a Corfino, sui monti della Garfagnana lucchese. Di mestiere fa il falegname, ma Francis è un artista. Anzi, è un artista del legno e un artista con le percussioni. Conduce laboratori di musica intuitiva con strumenti etnici e in parte autocostruiti con materiali di recupero. «Ho sempre coltivato la musica fuori dai canoni ufficiali – ricorda a pochi giorni dalla Festa -, suonando diversi strumenti nelle strade e in feste». Vive e lavora in Toscana e se riesce a coniugare con estro ed equilibrio la passione per il legno e quella per il ritmo, il segreto è uno solo: «Da diversi anni pratico quotidianamente il Qi Gong e la meditazione».

La storia di Francis ha tanti punti in comune con quella di Andrea Ziffer e dei balli irlandesi con cui intende far danzare, rigorosamente in spazi ristretti, tutti i partecipanti alla Festa del Camminare. «Tutto risale al 30 novembre 1989 – ricorda – ovvero il giorno di Sant’Andrea. Volevo festeggiare il mio onomastico e casualmente venni a sapere che Saint Andrew è il patrono di Scozia. Mi trovavo all’Atelier de Danse di Firenze e venni coinvolto in una serata dedicata alla Scozia celebrata con musiche e balli». Da lì un amore nacque, quello per i balli, e un altro si rafforzò, quello per la moglie. «Scoprimmo che ballare era piacevole e non abbiamo più smesso, aggiungendo via via esperienze di danze europee». Ma non è un insegnante, ci tiene a far sapere, anche se «in qualche occasione mi è stato chiesto di guidare le danze, come in un Capodanno Tra Terra e Cielo ad Asiago». Le cronache del tempo raccontano che i partecipanti hanno apprezzato.

ars poietica - CopiaLa piacevole novità dell’edizione 2016 della Festa del Camminare sono gli spettacoli e il teatro a cura di Ars Poietica: le voci narranti e i disegni con la sabbia di Ornella Stabile che insieme alle sonorità acustiche di Luigi Mattiello creano quella magia di musica e sandArt ispirata alle Città invisibili di Italo Calvino; le note d’ambra tra jazz, ambient e ballate celtiche di Angelo Italiano, le letture sul camminare in chiave comica “Meglio soli o in compagnia?” di Ilaria Gozzini e Rossella Neri. La festa è festa!

La Festa pensa anche ai più piccoli con lo spettacolo di animazione itinerante Il Figlio della fortuna per bambini e ragazzi, con Ornella Stabile e Luca Cristalli. Ispirato alla nota fiaba dei fratelli Grimm, storia senza tempo di archetipi e di speranza in cui crescere significa credere nella propria strada e in se stessi.

Il giovine Nato Collacamicia
di passaggio nel vostro illustre paese
è lieto di raccontarvi
la storia della genealogia del suo cognome,
la sua storia di famiglia!
Lui, Propropropro Nipote del Figlio della Fortuna vi guiderà in un’avventura alla ricerca dei
Tre capelli d’oro del diavolo