Quattro cammini per andare Fuori di Festa

La terza edizione della Festa del Camminare di Corfino (LU) si allarga in Salento, sulla Via Francigena, nel Marocco e sull’Isola d’Elba con i quattro eventi Fuori di Festa nei giorni delle vacanze di Pasqua.

edit 43Nel Salento per partecipare alla tradizione delle Tavole di San Giuseppe. In Toscana come pellegrini di un tempo camminando tra Lucca e Siena. Nel Marocco delle kasbah di terra ocra e dei giardini di rose. Sull’Isola d’Elba a passo lento da est verso ovest. Sono i quattro eventi Fuori di Festa della terza edizione della Festa del Camminare di Corfino (LU), nel Parco nazionale dell’Appennino Toscano, nei giorni delle vacanze di Pasqua.

Quattro viaggi a piedi con zaino in spalla, organizzati in collaborazione con le Vie dei Canti, la sezione viaggi a piedi di Tra Terra e Cielo, in cui si partecipa per qualche giorno alla vita di un gruppo in cammino. Viaggiare diventa così condivisione di tempo, parole, cibi, camera, emozioni. Quattro modi di stare insieme a Pasqua, sempre a piedi, con lentezza e accompagnati da una guida con una storia da raccontare.

salentoIl rito ancestrale delle Tavole – Il Salento a piedi (me 16 – do 20 marzo). Case aperte, tavole imbandite, commensali come noi che girano per il paese assaggiando il pacino, i lampascioni e la pasta con il miele, disposti con cura su tavoli ricoperti da candide tovaglie impreziosite da ricami e merletti. Sono le Tavole di San Giuseppe, organizzate ogni anno il 19 marzo nel Salento. Si tratta di un rito collettivo capace di riempire la parola condivisione di contenuti veri.

marocco roseLa Valle delle Rose – Marocco, paesaggi berberi (lu 21 – lu 28 marzo). Questo è un facile cammino nella Valle delle Rose e nelle gole d’Agouti e del M’Goun, ai piedi dell’Alto Atlante. A piedi tra sontuose kasbah di terra ocra e colorati giardini di rose per conoscere le tradizioni berbere ospitati nei caratteristici rifugi (gîtes). Questa è la terra della rosa damascena, dove i petali vengono fatti essiccare sui tetti di terra delle abitazioni prima di estrarne l’essenza per l’industria francese dei profumi.

elbaTra storia e natura – Isola d’Elba (gi 24 – lu 28 marzo). A passo lento alla scoperta di un’isola sospesa tra un passato sempre vivo e una natura che sorprende. Dal versante orientale, quello geologicamente più antico, verso ovest lungo sentieri e carrarecce, le strade campestri percorse da carri. C’è la natura con i colori delle rocce, del mare e delle prime fioriture e ci sono la visita dei borghi e l’incontro con i suoi abitanti che ci fanno conoscere la storia di un’isola da sempre terra di contesa.

lucca-siena2Come un viandante medievale – Da Lucca a Siena (ma 29 marzo – do 3 aprile). Sulla Via Francigena dal Duomo di Lucca a Piazza del Campo a Siena. A piedi come uomini di fede o faccendieri di un tempo. Un patrimonio fatto di cultura, arte, storia, natura e senso dell’ospitalità, da conoscere camminando nei luoghi della campagna toscana e attraversando quattro province. Immersi nelle colline, tocchiamo piccole città gioiello come San Gimignano e Monteriggioni e note città d’arte come Lucca e Siena.

La Festa del Camminare, organizzata da venerdì 18 a lunedì 28 marzo 2016, ruota attorno al tema del cambiamento. Questa è una vera e propria festa di 11 giorni con decine di ospiti e guide ambientali, cammini di avvicinamento e osservazioni del cielo, trekking a cavallo e con gli asini, letture in cammino, passeggiate al chiaro di luna, consigli su come fare lo zaino, sulla scelta delle scarpe più adatte e sul cibo da viaggio. La novità di quest’anno sono gli Autori in cammino: esperti dell’andare a piedi allestiscono cantieri di narrazione in cui associano escursioni e letture, scritture e racconti.

Organizzatrice della Festa del Camminare è Tra Terra e Cielo, associazione toscana che ha iniziato la sua attività camminando nel giugno del 1979 con un viaggio di 9 giorni e 14 persone sulle Alpi Apuane. A piedi, raccogliendo e cucinando erbe selvatiche e cereali integrali e dormendo sotto le stelle. Ai viaggi a piedi ha ben presto aggiunto altre vacanze, al mare e in montagna, per sperimentare in un contesto di relax modelli di vita da praticare tutti i giorni. La natura, la vita sana, il buon cibo non industriale e le buone relazioni sono la base di 37 anni di esperienza sintetizzati recentemente con tre parole: Walk, Eat, Love che danno nome al giornalino web dell’associazione.